Gli Specialisti Italiani della Cannabis Medica
Contattaci al +39 392 985 7639

Approccio e gestione Integrata

La cannabis medica è un farmaco sicuro ed efficace. Il suo utilizzo può essere complementare alle terapie mediche.

Fissa un'appuntamento

Chi Siamo

CAMIT è il primo portale di teleassistenza sanitaria in Italia, sviluppato dal Progetto MediCOmm, specializzato nelle terapie con cannabinoidi. MediCOmm è strutturato su un database innovativo che permette l’immagazzinamento continuo di dati clinici acquisiti nella quotidianità di ogni paziente, correlando le scelte terapeutiche con i risultati ottenuti per personalizzare la terapia. Questo, in considerazione anche del fatto che i fitocannabinoidi (cannabinoidi di origine naturale) trovano indicazione nel trattamento di diversi stati morbosi, andando ad agire sia sulla sintomatologia, sia, in molti casi, sulle cause delle patologie stesse, a fronte di un elevato margine di sicurezza del farmaco.

CAMIT vuole rispondere a una domanda sanitaria sempre crescente, a fronte della scarsità delle risorse pubbliche e private in un contesto sociale in piena crisi economica. Attuiamo, in pratica, un nuovo paradigma sanitario, che riveda il rapporto medico-persona sia dal punto di vista umano che da quello economico. CAMIT nasce dalla consapevolezza che l’insorgere della “malattia” sia il risultato di un’alterazione dell’equilibrio del sistema “corpo”. Siamo convinti che solo l’Approccio Integrato che mette al centro il benessere complessivo della Persona possa e debba rivoluzionare il concetto di salute.

AREE DI APPLICAZIONE

Sulla base del suo meccanismo di azione, la cannabis medica trova indicazione nel trattamento di molteplici stati patologici cronici. La prescrizione dei cannabinoidi viene fatta sulla base delle indicazioni riconosciute dalla Legge Italiana (decreto Lorenzin del novembre 2015).

Dolore Cronico

L’utilizzo di farmaci a base di fitocannabinoidi nel trattamento delle sindromi dolorose trova ampio riscontro in Letteratura scientifica.
Il razionale del loro impiego si basa su un rapporto rischio/beneficio assolutamente vantaggioso, specialmente per il paziente che deve affrontare terapie antalgiche croniche (pazienti neurologici, reumatologici, oncologici, fibromialgici, ecc…). L’assunzione per lunghi periodi di tempo di fitocannabinoidi non è associata ad un rischio di dipendenza dalle sostanze psicoattive.
Scopri di più

Neurologia

L’impiego dei cannabinoidi in ambito neurologico si basa sul loro meccanismo di azione e di interazione con i complessi meccanismi neuronali e immunitari. Sulla base dei dati della Letteratura Scientifica Internazionale, le patologie neurologiche che possono essere trattate con la cannabis medica sono: le malattie neurodegenerative (come la malattia di Alzheimer e la malattia di Parkinson), gli esiti delle patologie ischemiche (TIA, ictus)...
Scopri di più

Malattie Autoimmuni e Reumatiche

Le malattie reumatiche e autoimmuni sono caratterizzate da quadri clinici espressione di una abnorme risposta infiammatoria localizzata o sistemica.
Tali patologie riconoscono infatti comuni meccanismi biomolecolari e cellulo-mediati dell’infiammazione (non controllata), causa delle alterazioni strutturali e della conseguente sintomatologia.
Scopri di più

Applicazioni in Pediatria

La cannabis medica è un farmaco dotato di un elevatissimo margine di sicurezza (non è conosciuta una dose letale e la dose tossica è troppo elevata per poter essere reperita, quindi assunta). In particolare, il CBD (Cannabidiolo), molecola fondamentale nelle terapie pediatriche, è priva di effetti secondari.

Scopri di più

IL TEAM

Gli specialisti italiani della cannabis medica

Carlo Privitera - Direttore Scientifico

BIO: Specialista in Chirurgia Generale. Nel 2015 lascia la Sanità Pubblica e nel 2016 fonda Progetto MediCOmm, con l'obiettivo di realizzare un Nuovo Sistema Sanitario.
Nell'arco di 3 anni di attività ha seguito più di 2000 pazienti su tutto il territorio nazionale, trattandoli con terapie a base di cannabis medica.

Marta Cortese - Psicologa e psicoterapeuta.

BIO:Laureata in psicologia clinica nel 2007 Si occupa di:
- Consulenza e supporto ai genitori e alle famiglie
- Terapia integrata dell’autismo
Valutazione, diagnosi e psicoterapia nei casi di:
- disturbi e difficoltà dell’età evolutiva
-disturbi del comportamento alimentare.

Giulia Casini - Nutrizionista.

BIO: Il mio approccio si basa sulla relazione con la Persona da guidare in un percorso alimentare.
Il mio obiettivo è educare ad una corretta alimentazione.

Veronica Spoto - MMG e specialista in Nutrizione Clinica.

BIO: “Neuroblastoma localizzato nel primo anno di vita: valutazione a lungo termine della casistica italiana e spagnola del protocollo europeo INES 1999” . Questo il titolo della tesi di Laurea in Medicina Generale conseguita con lode nel 2013 all’Università degli Studi di Catania. Obiettivo raggiunto grazie anche al tirocinio svolto alla Medical University of Plovdiv, Pediatrics, Division of Pediatric Neurology ed inserito nell’ambito del Progetto IFMSA- Professional Exchange presso il Dipartimento di Pediatria e Disordini Genetici dell'ospedale medico-universitario di Plovdiv (Bulgaria). Nel 2019 consegue il Master in Nutrizione Clinica, grazie al quale svolge tutt’ora l’attività di Consulente Nutrizionale. E fino al 2020 si dedica anche all’attività come medico volontario per la Croce Rossa Italiana. Attualmente medico di medicina generale e dal luglio del 2020 medico dello staff Camit

Domenico Paparella - MMG, specialista in Medicina Nucleare.

BIO: Dal 2017 specialista in Medicina Nucleare con particolare attenzione allo studio di patologie infiammatorie ed oncologiche. L’interesse per la salute e il benessere della persona lo hanno portato negli anni a maturare esperienza nei vari ambiti, dalla medicina per la terza età all’assistenza medica dei giovani atleti nei centro sportivi del centro Italia. Medico in formazione presso Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale con frequenza di P.O. di strutture di assistenza sanitaria territoriale e di ambulatori di Medicina Generale. Dal 2018 ha abbracciato con entusiamo il Progetto MediCOmm, ora CAMIT, credendo fortemente nella versatilità, nelle enormi potenzialità curative e nei molteplici campi di applicazione della Cannabis Terapeutica.